Italiani rientrati dalla Cina, Anelli (FNOMCeO): “Grazie al viceministro Sileri e a tutti i medici e militari che hanno reso possibile il ritorno”

“Ringraziamo tutti i medici e i militari che hanno reso possibile il rientro dalla Cina dei nostri 56 connazionali. Un grazie speciale al Viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri che, come medico prima ancora che nel suo ruolo istituzionale, ha voluto personalmente accompagnarli, in modo da prestare, se necessario, soccorso. Il suo encomiabile comportamento incarna alla perfezione i principi del nostro Codice deontologico, che, soprattutto nell’emergenza, impongono al medico di intervenire senza indugio”.
Così il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO), Filippo Anelli, commenta le ultime notizie sul rientro, avvenuto questa mattina a Pratica di Mare, dei 56 italiani sino ad ora fermi in Cina.
“Proprio a quegli stessi principi mi sono appellato questa mattina scrivendo ai 106 presidenti degli Ordini dei Medici – aggiunge – perché chiamino a raccolta tutti i loro iscritti e li sollecitino a mettersi a disposizione delle autorità competenti”.
Di seguito, il testo della lettera.

Cari Presidenti,

come Vi è noto il Consiglio dei Ministri, lo scorso venerdì 31 gennaio, in considerazione dell’emergenza sanitaria connessa alla situazione epidemiologica del Coronavirus ha decretato, per sei mesi, lo Stato di Emergenza sanitaria. Si tratta di un’opportuna misura precauzionale volta al controllo dell’infezione 2019 n.CV che, come è noto a tutti, ha carattere globale.

L’Italia è tra i Paesi che per primi hanno assunto una forte iniziativa per il contenimento della diffusione dell’epidemia, mettendo in opera, tempestivamente, misure strettamente sanitarie e non solo.

Il Ministro della Salute on. Roberto Speranza ha attivato immediatamente una Task Force coinvolgendo tutti i referenti, operatori sanitari, soprattutto medici che a diverso titolo possono e già sono attivi nel supportare l’azione di contenimento e prevenzione del Coronavirus.

E’ notizia recentissima che l’équipe di ricercatori dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, a cui va il plauso di tutta la comunità scientifica mondiale e di noi colleghi medici italiani, ha isolato il Coronavirus mettendo a disposizione delle équipe internazionali di ricerca, i dati, come ha comunicato il Ministro della Salute Speranza.

Sono convinto che come Presidenti e come Ordini territoriali la Professione sia già impegnata nel rispetto delle previsioni del Codice di Deontologia medica che nello specifico, agli articoli 8 e 9 definisce l’obbligo di porsi a disposizione delle Autorità in casi di emergenza e calamità ma tengo comunque a sollecitare la Vostra disponibilità nei confronti delle Istituzioni, delle Regioni e di qualsivoglia altro referente e contesto che possa richiedere un nostro supporto di Professionisti della salute.

In particolare su specifica richiesta del Ministero della Salute, con il quale la FNOMCeO sta operando a stretto contatto quotidiano sono a informare i Presidenti OMCeO di Bologna, Firenze, Torino e Venezia, dove insistono aeroporti, che potrebbe pervenire una richiesta di reperimento di medici, giovani colleghi, medici del corso di formazione in Medicina generale. Potrebbe infatti determinarsi l’esigenza di creare un corridoio sanitario presso questi scali e presso altri aeroporti. A riguardo l’informativa per gli OMCeO interessati sarà immediata.

Abbiamo con estremo piacere registrato le parole di ringraziamento che il Ministro, ieri in Conferenza stampa presso l’Istituto Spallanzani, ha rivolto ai medici; lo ritengo segnale importante di riconoscimento di ruolo non solo per la nostra connotazione di medici fondata su specifiche competenze professionali ma anche per il ruolo sociale che da sempre la Professione medica riveste nel suo rapporto con i cittadini, nostri pazienti.

Momenti di particolare tensione in un Paese, come quello di una grave emergenza sanitaria che stiamo vivendo, possono indurre uno stato di insicurezza e di apprensione sociale. E’ questo il momento per gli OMCeO, enti sussidiari dello Stato di esprimere al meglio le proprie potenzialità di attori del sistema collaborando con il Ministro della Salute, supportando le Autorità deputate, fornendo rassicurazione ai cittadini e sostegno alle Istituzioni sanitarie e non, impegnate sui territori.

Qualsivoglia ulteriore informazione sarà fornita con i nostri mezzi di comunicazione. La documentazione relativa al Coronavirus è fruibile sul portale della FNOMCeO e sarà aggiornata ad horas.

Nel ringraziarVi per la collaborazione e disponibilità che sono certo non farete mancare Vi ringrazio e invio cordiali saluti

Filippo Anelli

© 2020 Promancad − PI 009293705260